Blog-winfatt-calcolo-contributi-previdenziali-forfettari
Attualità

Come calcolare i contributi previdenziali forfettari


I lavoratori in regime forfettario devono versare i contributi previdenziali ad un Ente Previdenziale per potersi assicurare, una volta raggiunta l’età anagrafico o di anzianità contributiva, una pensione mensile. 


Anche i lavoratori dipendenti sono soggetti a questo versamento che viene effettuato dal datore di lavoro ogni mese: la somma è in parte a carico del datore e in parte a carico del lavoratore, deve essere versata direttamente all’INPS.


Per i lavoratori soggetti IVA forfettari, invece, l’ente previdenziale cambia a seconda della tipologia di professione svolta. Ecco un breve elenco delle diverse tipologie di cassa previdenziale correlate alle attività professionali:


  • Gestione INPS Artigiani e Commercianti per ditta individuale Artigiani o Commercianti;

  • Cassa Privata per i liberi professionisti con cassa (es: Cassa Forense per avvocati o CNPADC per i commercialisti);

  • Gestione Separata INPS per i forfettari che non rientrano in una categoria, come ad esempio le nuove figure professionali (social media manager, grafici).





Contributi previdenziali forfettari: ecco come calcolarli in base alla categoria


Ditta individuale Artigiani o Commercianti 


Il professionista che si configura come artigiano o commerciante deve effettuare il versamento dei contributi previdenziali alla Gestione INPS Artigiani e Commercianti, che prevede il versamento di un contributo fisso annuale e di un contributo variabile. 


In questo caso, l’agevolazione del regime forfettario permette di godere della riduzione del 35% per entrambi i versamenti. Tuttavia, la richiesta di riduzione dei contributi è facoltativa ed è necessario effettuare una esplicita domanda tramite INPS, entro il 28 febbraio.


Contributo fisso annuale 


Il contributo fisso annuale è obbligatorio e fa riferimento al reddito lordo minimale del contribuente:

 

  • € 3.905,76 per artigiani = aliquota al 24%;

  • € 3.983,73 per commercianti = aliquota al 24,48%


Il versamento è ripartito in 4 rate trimestrali.


Contributo variabile


Il contributo variabile è relativo al reddito che eccede il reddito annuale minimale imposto dall’INPS. Se nell’anno di imposta il reddito lordo prodotto è maggiore di 16.243 € è necessario pagare un secondo contributo con la stessa aliquota del primo, in sede di dichiarazione dei redditi IRPEF.


Calcolo contributo previdenziali forfettari con Cassa Privati


 I professionisti obbligati all’iscrizione in appositi albi di categoria, a cui corrisponde una cassa previdenziale privata, devono sottostare alle regole stabilite da ogni ente in relazione al calcolo e al versamento delle somme dovute.


In linea generale, è necessario versare un contributo obbligatorio annuale relativo al reddito netto imponibile e un contributo integrativo come finanziamento della cassa previdenziale, generalmente pari al 4% del volume di affari dichiarato. 


I professionisti possono integrare anche altre tipologie di contributo come il contributo integrativo volontario facoltativo che va ad aggiungersi a quello obbligatorio per la pensione futura o il contributo maternità finalizzato a finanziare le indennità di maternità e paternità. 

 

Forfettari con Gestione Separata INPS


I professionisti soggetti IVA iscritti alla Gestione Separata INPS devono fare riferimento all’aliquota annuale prevista dall’INPS, che cambia di anno in anno e si applica al reddito imponibile. 


Le date di scadenza per il versamento del contributo sono generalmente due:


- entro il 30 giugno per pagare il saldo dell’anno precedente e il primo acconto dell’anno in corso;

- entro il 30 novembre per il secondo acconto dell’anno in corso. Entrambi i versamenti devono essere effettuati tramite modello F24.

 


 

 



Winfatt semplifica la gestione della tua azienda

Scaricalo e provalo gratuitamente per tutto il tempo che vuoi e scopri tutte le sue funzionalità e caratteristiche.