Blog-winfatt-fattura-elettronica-partenza-in-tilt-per-agenzia-delle-entrate
Attualità

Fattura Elettronica: partenza in tilt per l'Agenzia delle Entrate



Blocchi e rallentamenti e disagi per gli utenti del portale Fatture e Corrispettivi.



Per l’Agenzia delle entrate però è tutto regolare.


Fattura elettronica: sito in tilt, ma per l'Agenzia delle Entrate è tutto regolare



Come da molti previsto la partenza della Fattura elettronica non è stata priva di intoppi.
Migliaia le segnalazioni di blocchi del portale Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate tanto da poter dire che sia andato letteralmente in tilt.


I problemi sono iniziati giovedì 3 gennaio 2019 data in cui molti professionisti ed aziende hanno provveduto alla trasmissione elettronica delle fatture provocando il primo sovraccarico del sistema SdI.



Questo blocco di invio e ricezione sembra paradossale se pensiamo al fatto che solo una parte delle partite Iva era operativa in quella data, mentre molti godevano ancora della pausa legata alle festività natalizie.


Nonostante i disagi registrati l’Agenzia delle Entrate diffonde un comunicato stampa in cui dichiara che il funzionamento del loro sito è stato regolare e non si sono verificati rallentamenti o malfunzionamenti.



Un rischio prevedibile


Nonostante la smentita legata ai problemi di funzionamento del sito fatta dall'Agenzia delle Entrate ancora nella giornata di ieri si registravano problemi di invio e ricezione.


Questi problemi si sono tradotti nell'impossibilità di utilizzo del sistema, quindi dell’invio di fatture.


Professionisti ed imprese sono stati lasciati in attesa di fronte allo schermo del pc con questa comunicazione: ” Il sistema non è al momento disponibile, si prega di riprovare più tardi”.





Tutto il mondo delle partite Iva ha atteso con preoccupazione la data del primo gennaio 2019 proprio per la paura di incorrere in errori o malfunzionamenti che avrebbero potuto rallentamenti e problemi per il proprio lavoro.


Un problema simile si era verificato all'entrata in vigore dello spesometro.


La differenza è che questa volta l’adempimento, e quindi il disagio, colpisce una delle principali attività quotidiane di imprese e professionisti.



L’Agenzia delle Entrate minimizza


A seguito delle molte segnalazioni e delle polemiche scatenate dagli utenti nella serata del 3 Gennaio l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato comunicato stampa di smentita.


“Nessuna anomalia o rallentamento sul portale fatture e corrispettivi, con 1,5 milioni di fatture scambiate in meno di tre giorni”.


L’Agenzia, nel comunicato dichiara di aver interpellato il partner tecnologico Sogei che non avrebbe rilevato problemi tecnici o rallentamenti.


Il comunicato si conclude con la dichiarazione che: “Per il 97% dei documenti inviati è stata già resa disponibile la ricevuta dell’invio prima degli ordinari 5 giorni previsti dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate”.



Fatturazione elettronica: nessun problema nessun miglioramento!


A seguito della lettura del comunicato in molti si chiedono se quindi rimarranno queste le condizioni di utilizzo del sito di Fatture e Corrispettivi.


Se l’Agenzia non rileva problematiche dobbiamo pensare che non ci sarà da parte loro alcun intervento migliorativo?

Gli utenti dovranno fare l’abitudine a ritardi e rallentamenti?


Si spera ovviamente che questa sia solo una condizione “particolare” legata all'avvio dell’obbligo di fatturazione.


Una fase transitoria quindi, di test non solo per le Partite Iva ma anche per l’Amministrazione stessa promotrice del cambiamento.

Winfatt semplifica la gestione della tua azienda

Scaricalo e provalo gratuitamente per tutto il tempo che vuoi e scopri tutte le sue funzionalità e caratteristiche.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy e cookie policy Ok,acconsento